Share

Esclusiva: ColorOS Lollipop, Android in stile Nexus?

L’attuale versione della ColorOS è giunta alla versione ColorOS 2.0.7i ancora in versione beta basata su Android KitKat 4.4.2; in questo periodo però, ci sono parecchi rumors da più fonti interne alla OPPO, tra cui ingegneri e product manager, sulla nuova ColorOS Lollipop. Oggi noi di Tecnologia Computing siamo qui per raccoglierli e commentarli, portando anche le impressioni degli utenti, una volta apprese le notizie.

colorOS-lollipop

ColorOS Lollipop

Il forum ufficiale OPPO è da sempre il maggior canale per le informazioni di release non ancora rilasciate, quindi si tratta per lo più di rumors che, venendo da fonti praticamente ufficiali, sono da considerare attendibili al 99%. Inizialmente un utente della sezione italiana postò un video che mostrava la base (Android Stock) della nuova ColorOS Lollipop sulla quale, successivamente, verranno implementate le personalizzazioni, svelando con certezza che la fase di sviluppo di una nuova ColorOS Lollipop era in corso. Il video fu rimosso dopo pochi giorni a seguito di comunicati privati tra l’utente e i manager OPPO, il video non era una bufala vista la conferma avvenuta a carico della Product Manager di OPPO (fonte, da vedere l’immagine allegata al post).

In questi giorni sono trapelate moltissime info ma una più di tutte ha destabilizzato l’umore dei clienti di OPPO e degli utenti del forum. Una delle prime notizie che è trapelata da un ingegnere del software di OPPO è la data di rilascio che dovrebbe essere prima del mese di giugno 2015; altra notizia è che si salterà la versione KitKat 4.4.4 e si passerà direttamente alla versione di Android Lollipop con la ColorOS Lollipop (non si sa ancora se si partirà dalla versione 5.0.1 oppure direttamente dalla 5.1).

Ciò che ha fatto impazzire tutti gli utenti (soprattutto della sezione italiana) è la notizia che probabilmente non si avrà una ColorOS così come la conosciamo oggi, ma che potrebbe essere rilasciata una ColorOS Lollipop come una AOSP leggermente modificata (post1 e post2). Questo sta a significare che uno smartphone, come l’OPPO Find 7 avrà, probabilmente, come ROM preinstallata una versione di Android stock leggermente personalizzata (AOSP+) in stile nexus, per intenderci.

 

Questa eventualità non è piaciuta agli utenti affezionati alla ColorOS, che attendono ancora una versione stabile con Android KitKat (secondo alcune fonti dovrebbe essere la prossima release); non è piaciuta per il semplice motivo che la ColorOS è una delle migliori personalizzazioni Android in circolazione a livello di funzioni, addirittura ha più funzionalità rispetto alla blasonata MIUI di Xiaomi; con il rilascio di una ColorOS Lollipop, con Android puro, tutte le personalizzazione verrebbero a mancare.

find7-one-front-back-comp

Diversi utenti hanno lamentato il seguente disagio: con il rilascio di una AOSP+ l’OPPO Find 7 si trasformerà in tutto e per tutto al gemello OnePlus One che ha come ROM stock la CyanogenMod 11S (a breve la Oxygen OS); praticamente i clienti si troveranno ad aver speso 100€ se non 150€ in più per avere un telefono che potevano avere per un prezzo molto più basso (intorno ai 300€ contro i 400€ per la variante 7a dell’OPPO Find). Nonostante i pareri negativi, naturalmente ci sono anche pareri positivi (una minoranza) su questo totale cambio di direzione dell’azienda OPPO, in quanto una ROM quasi priva di personalizzazioni è sicuramente più veloce e prestante rispetto ad una ricca di personalizzazioni (vedi TouchWiz di Samsung).

Naturalmente il rilascio di una ColorOS come AOSP non è una notizia ufficiale, notizie ufficiali sul tipo di versione che rilasceranno non provengono da dipendenti dell’azienda cinese, quindi sono comunque informazioni da prendere con le pinze. Per quanto riguarda il salto di versione da Android 4.4.2 ad Android Lollipop e il presunto rilascio di questa ColorOS Lollipop vengono da fonti certe e potrebbero essere anche considerate notizie ufficiali.

E a voi piacerebbe una ColorOS Lollipop rilasciata come semplice AOSP? Fatecelo sapere qui sotto, nei commenti!

Andrea Bravaccino

Commenti

commenti

Leave a Comment