Share

Far Cry 4: vi presento Pagan Min: King of Kyrat!

In attesa del 18 novembre, data di uscita di Far Cry 4, Ubisoft ha rilasciato un nuovo trailer dedicato a Pagan Min, lo spietato e carismatico antagonista del titolo, presentato come l’indiscusso sovrano del Kyrat.

Riportiamo brevemente la storia di Pagan Min: nato a Hong Kong da un boss della droga del triangolo d’oro è tanto ambizioso quanto eccentrico. Dopo la morte del padre ereditò la sua parte nell’attività di famiglia, assunse il soprannome di Pagan in onore di un antico re birmano e cambiò la sua pronuncia per sembrare di origini orientali. Egli cominciò ad accaparrarsi molto più della parte che gli spettava iniziando così ad infastidire i suoi “soci d’affari”, prima che questi potessero tentare di assassinarlo mise gli occhi sul Kyrat. Pagan si alleò con i monarchici sfruttando l’amicizia con un lontano erede al trono, dopo aver conquistato il palazzo uccise l’erede e si proclamò re, questo tradimento portò alla formazione di un gruppo di ribelli il “Sentiero d’oro” il cui obbiettivo era quello di rovesciare il regime di Pagan Min.

Far Cry 4 sarà commercializzato anche in bundle conPS4 (bianca o nera). Oltre che su queste piattaforme, ricordiamo che il gioco sarà disponibile anche su PC, Xbox 360 e Xbox One. Purtroppo non ci è dato conoscere ulteriori dettagli su questi bundle per cui attendiamo di avere novità.

Inoltre per tutti i fan di Far Cry 4 e soprattutto per i collezionisti, UBICollectibles ha presentato una nuova statuina da collezione chiamata “Pagan Min: King of Kyrat” che raffigura Pagan Min appoggiato a una vecchia parete di mattoni, su cui vi è un graffito che rappresenta una tigre. Con la pistola in mano, Pagan Min è pronto a dimostrare il suo dominio sugli oppressi abitanti del Kyrat. Sul retro della statuina, i giocatori scopriranno un nuovo e misterioso personaggio del Sentiero d’oro: Bhadra, una giovane donna coraggiosa che si pensa possa essere la nuova Tarun Matara, l’incarnazione della sposa di Banashur nella mitologia del Kyrat.

La Redazione.

Commenti

commenti

Leave a Comment