Share

Samsung Galaxy S5 avrà il riconoscimento di impronte digitali? A quanto pare si.

E’ già da un pò che si parla del lavoro di Samsung nel voler includere tra le funzionalità del nuovo Samsung Galaxy S5, quella del rilevatore di impronte digitali.

Proprio oggi, la notizia è stata confermata attraverso un rapporto, nel quale è descritto il sensore della casa coreana.

Secondo un rapporto pubblicato da SamMobile sulla base di informatori anonimi , Samsung includerà nel Galaxy S5 una funzionalità molto simile a quella dell’iPhone 5s della Apple. Sarà basato sul rilevamento delle impronte attraverso il tasto home dello smartphone, proprio come avviene per il dispositivo della “Mela”.

Per utilizzare il sensore , l’utente dovrà scorrere il dito sul pulsante, precisamente dall’alto verso il basso . Secondo la relazione, tale sensore non funzionerebbe con le dita umide o bagnate ed in caso di simile utilizzo, verrà presentato un errore all’utente . L’aspetto interessante di quest’applicazione di Samsung è che durante la scansione , verrà mostrata l’impronta digitale sul display in tempo reale .

Tale funzionalità, è stata introdotta in modo da rendere più sicure alcune app, che richiederanno un tipo di accesso speciale. Tali applicazioni saranno scelte dall’utente che potrà rendere l’accesso di qualsiasi App di Android, ristretta solo alla sua impronta e ad altri intimi.

Infatti il numero di impronte da poter essere memorizzato, arriva fino a otto. Insomma se vorrete lasciare alcune applicazioni ad altri, potrete farlo.

In conclusione, il nuovo dispositivo Samsung sarà provvisto di ben tre metodi di riconoscimento ed accesso:  PIN , sblocca modello o impronte digitali memorizzate .

Ora non resta che attendere per scoprire se verrà presentato al Mobile World Congress: magari ci verrà mostrata una scansione in diretta!

Apple e HTC hanno già implementato un sensore di impronte digitali , ma non è una caratteristica indispensabile per la maggior parte degli utenti, o almeno per ora.
Si sa, niente è indispensabile nella tecnologia, finchè non lo diventa.

La Redazione

Commenti

commenti

Leave a Comment