Share

Ubuntu Touch : in arrivo un nuovo OS nel mondo dei tablet

I creatori del sistema operativo Ubuntu per notebook e computer desktop stanno lavorando ad una versione del loro OS per smartphone e tablet, sperano di vedere i primi device per l’inizio del 2015.

Alcune società come Meizu e BQ hanno già annunciato la vendita di alcuni smartphone con sistema operativo Ubuntu Touch, ma a farla da padrone pare sia la collaborazione tra  Demski Group e Mastermind Hardware and Logistics. Stiamo parlando di UT One, il primo tablet al mondo con sistema operativo nativo Ubuntu Touch.

Ubuntu Touch

Da alcuni rumors si evince che il tablet in questione sarà dotato di un display da 10.1 pollici con tecnologia IPS, con una risoluzione da 1280 x 800 pixel. Lato hardware interno, abbiamo un processore Intel Atom Z3735D, un quad-core Bay Trail-T da 1.33 GHz, accompagnato da 2GB di memoria RAM e 16 GB di memoria a disposizione per l’utente espandibili con una microSD , doppia fotocamera da 2 megapixel utile anche per i vostri selfie, ovviamente vi sono presenti i moduli WiFI 802.11n e Bluetooth 4.0 low energy per quanto riguarda la connettività e una batteria da ben 7900 mAh , che dovrebbe garantire un’autonomia di almeno 8 ore .

Per quanto riguarda prezzo e disponibilità, non ci sono ancora notizie ufficiali anche se, come già citato, le due società sperano di mettere al mondo la nuova tavoletta entro l’inizio del 2015, sperando inoltre in un prezzo che si accessibile a tutti. Per chi non conoscesse il sistema operativo di Canonical, rimandiamo ad un video trovato in rete in cui viene mostrato Ubuntu Touch girare su un Nexus 5 ( ringraziamo l’autore del video ).

Se siete rimasti incuriositi dal sito e possedete uno smartphone con sistema operativo android, potete rivolgervi al forum di xdadevelopers per controllare la compatibilità del vostro device e provarlo tramite le guide sviluppate dal forum. Intanto, attendiamo l’uscita della nuova tavoletta e, nel caso di nuovi rumors o ufficializzazioni, vi terremo sempre aggiornati.

La Redazione

Commenti

commenti

Leave a Comment